Carlo Tavecchio: ufficiali le dimissioni, chi al suo posto?

Carlo Tavecchio ha rassegnato le proprie dimissioni.

0
119
Carlo Tavecchio
Carlo Tavecchio si è dimesso.

Il presidente della Ferdercalcio Carlo Tavecchio si è dimesso al Consiglio Federale di Roma. Forte, troppo forte la delusione per aver mancato l’appuntamento al Mondiale di Russia 2018. Gli azzurri non mancavano alla kermesse iridata dal 1958. E così dopo aver esonerato il c.t. Giampiero Ventura, salta un’altra testa della fallimentare gestione “Ho parlato con il consiglio direttivo e abbiamo deciso in maniera unanime, siccome il consiglio è monco, di aspettare la nuova governance di Lega A e B”, ha dichiarato Renzo Ulivieri, presidente dell’Assoallenatori.

Carlo Tavecchio: le dimissioni

Netta la posizione presa da Damiano Tommasi: “Siamo già in ritardo, oggi mi aspetto una presa di responsabilità e di coscienza, vediamo se qualcuno ha capito durante la settimana”, aveva chiesto il presidente dell’Assocalciatori. “La nostra posizione? La vedremo dentro. Spero che stamani non ci sia bisogno di votare”, aveva invece commentato Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione italiana arbitri. “La posizione della Lega Nazionale Dilettanti è compatta, condivisa nella totalità”, diceva Cosimo Sibilia, presidente della Lnd. “Dobbiamo ascoltare per capire quali sono i programmi di Carlo Tavecchio“, commentava Andrea Montemurro, consigliere federale in quota Lnd.

Carlo Tavecchio: lascia la Federcalcio

Giancarlo Abete, ex presidente della Figc e oggi consigliere federale Lega Pro, mentre entrava nella sede di via Allegri per il Consiglio federale, spiegava: “Chiederò le dimissioni di Carlo Tavecchio, la mia posizione è in linea con quella del presidente Gravina. Se tutti i consiglieri avranno la volontà di dimettersi, lo faremo, anche per favorire una riflessione strategica per il futuro del calcio. Ma, se questo non avvenisse, diremo al presidente Carlo Tavecchio che non è l’unico responsabile di questa situazione”.

Carlo Tavecchio: in cerca del successore

Sulle dimissioni di Carlo Tavecchio, il ministro dello sport Luca Lotti aveva auspicato: “Mi aspetto la riflessione che tutti abbiamo auspicato e che il mondo del calcio sta aspettando da tempo. Ho fatto un appello ai consiglieri della Figc, affinché si rendano conto del momento particolare che sta vivendo il nostro calcio. Questa è un’occasione per poter ripartire e poter raccontare come si fa il calcio fin dalle scuole giovanili, arrivando a una discussione e una riflessione più ampia sulle Leghe di A e B che purtroppo non hanno eletto ancora i propri rappresentanti. Credo sia opportuno sfruttare quest’occasione per rifondare il calcio, la politica è pronta a dare una mano, ma mi aspetto molto dal Consiglio federale”.

Commenta l

SHARE
Loading...