Rihanna litiga con un fan: scoppiano le polemiche

La popstar delle Barbados: "Molte aziende fanno questa cosa con i transessuali o con le donne di colore, solo per dire: guarda quanto siamo variegati e inclusivi. È triste".

0
68
Rihanna
Rihanna spiega perchè non usa modelle transessuali per la sua linea Fenty.

La lotta alle discriminazioni è una crociata personale per Rihanna. Abitualmente posta sui social messaggi in favore degli emarginati. E ora mette nel mirino le case di moda perché ricorrono alle persone transessuali solo per scopi di marketing. Discussione sorta su Twitter, dopo che un utente le ha chiesto delucidazioni sul fatto che nei spot della sua linea Fenty non compaiono modelle transessuali. “Dovresti davvero invitare una modella transessuale al gruppo”, le ha consigliato.

Rihanna: botta e risposta su Twitter

Rihanna ha risposto con un commento dove definisce scorretto quando le persone transessuali vengono usate “come strumenti di marketing. Ho avuto il piacere di lavorare con tante donne transessuali di talento nel corso degli anni, ma non vado in giro a fare i casting di trans”, ha aggiunto Rihanna. “Io rispetto tutte le donne, che siano transessuali non è affare mio. È un aspetto personale, alcune donne transessuali sono più aperte delle altre sotto questo punto di vista e io non posso che rispettare ogni posizione”.
“Molte aziende fanno questa cosa con i transessuali o con le donne di colore, solo per dire: guarda quanto siamo variegati e inclusivi. È triste”, ha concluso Rihanna. Gran parte dei suoi follower hanno apprezzato la sua presa di posizione. Secondo altri però questa visibilità, anche se per scopi di marketing, aiuta a smuovere le coscienze. Largo al dibattito.

Rihanna: contro le discriminazioni

Rihanna (20 febbraio 1988), è una cantante, attrice e modella barbadiana, prima artista della sua nazione a vincere un Grammy Award. Si è trasferita negli Stati Uniti d’America all’età di 16 anni grazie a un contratto discografico, sotto la guida di Evan Rogers. All’età di 18 anni il singolo SOS è divenuto la sua prima numero uno nella Billboard Hot 100, mentre nel 2007 Rihanna ha consolidato la sua fama grazie al terzo album Good Girl Gone Bad e alle sue riedizioni, da cui sono stati estratti i singoli Umbrella, Don’t Stop the Music, Disturbia e Take a Bow.

Rihanna: paladina degli esclusi

Dopo Rated R, uscito nel 2009, portato al successo grazie ai singoli Russian Roulette e Rude Boy, Rihanna è tornata nel 2010 con il quinto album Loud, da cui vengono estratti i singoli di successo Only Girl (In the World), What’s My Name? e S&M. Nel 2011 Rihanna ha pubblicato il sesto album Talk That Talk, contenente il singolo We Found Love con Calvin Harris, diventato il più venduto della cantante. Nel 2012 è stata la volta del settimo album Unapologetic, contenente le hit mondiali Diamonds e Stay. Dopo una pausa di quattro anni, nel 2016 è tornata sulle scene musicali con l’ottavo album Anti.

 

Commenta l

SHARE
Loading...